«

»

Asl Pescara chiede soldi indietro a infermieri che stanno facendo straordinari non pagati da mesi

Mentre il personale infermieristico della Asl di Pescara da mesi si sobbarca il superlavoro derivante dalla pandemia covid la Asl gli scrive chiedendo che restituiscano cifre fino 5.000 euro.

Incredibile ma assolutamente vero. Infermieri sono creditori di tante ore di straordinario ma nel frattempo devono pagare subito una cifra spropositata.
Infermieri attraverso alcuni sindacati avevano fatto una vertenza che li aveva visti uscire vincenti in primo grado. La Asl di Pescara ha vinto in appello.
A decine si sono visti recapitare la comunicazione a firma del direttore amministrativo Barile:
Con la presente si comunica che, in esecuzione della sentenza n. 459/2019 del 13/06/2019 della Corte d’Appello di L’Aquila sull’appello proposto avverso la sentenza n. 688/2017 del 26/09/2017 emessa dal Tribunale di Pescara, sono stati riconosciuti complessivi 15 minuti per effettuare le operazioni di vestizione, svestizione e passaggio di consegne, se effettivamente resi.
In conseguenza di ciò l’importo totale a suo carico da recuperare è pari ad €  …  
 
Pertanto si procede a partire dal mese di Ottobre 2020 al recupero delle somme dovute sul trattamento economico mensile per un importo pari ad € 200,00.
Qualora interessati a versare l’importo totale di €   … in un’unica soluzione,  può rispondere alla presente e-mail per ricevere le dovute istruzioni.
Cordiali saluti.
Il Dirigente dell’UOSD
Trattamento Economico del Personale
Dott. Giuseppe Barile
   
Non entriamo nel merito perchè avremmo bisogno di leggere documentazione.
So però che in Regione Abruzzo sono appena state aumentate retribuzioni dei dirigenti.
Si tratta di una storia vecchia che coinvolge anche la precedente giunta regionale.
E’ evidente che invece di cercare una soluzione che tenga conto delle esigenze poste dal personale infermieristico si è preferito creare problemi enormi a famiglie di lavoratrici e lavoratori a basso reddito.
Infermieri sono eroici solo quando bisogna mandarli allo sbaraglio davanti alla pandemia come accaduto nei mesi trascorsi. Va stigmatizzato il comportamento di quei sindacati che hanno promosso il contenzioso senza tutelare adeguatamente lavoratori. Questo però non cancella le responsabilità della politica regionale. E bisognerebbe capire in quante Asl abruzzesi si sia determinata analoga situazione.
Rifondazione Comunista è solidale con infermiere/i e invita la giunta regionale e il consiglio a intervenire perchè non si può colpire con questa pugnalata chi ogni giorno garantisce il funzionamento della nostra sanità pubblica. 
Maurizio Acerbo, segretario nazionale
Corrado Di Sante, segretario provinciale
Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>