«

»

BUSSI: PREOCCUPANTI DICHIARAZIONI MINISTRO SU SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO, RICOMINCIAMO DA CAPO?

Non abbiamo fatto in tempo a esprimere soddisfazione per la sentenza del Consiglio di Stato che sono arrivate le dichiarazioni del ministro Sergio Costa a raggelarci confermando le preoccupazioni che avevamo espresso nel nostro comunicato.

Infatti il ministro – come temevamo – ha scritto sulla sua pagina facebook* che sarà la Edison che dovrà fare la bonifica e che i 50 milioni già stanziati saranno utilizzati altrove.

Si tratta di affermazioni gravissime che speriamo nascano da scarsa conoscenza della vicenda, cattiva informazione da parte di qualche dirigente ministeriale o da un errore del suo ufficio stampa. Questa superficialità lascia interdetti trattandosi di quella che è stata definita “la più grande discarica chimica d’Europa”.

Ci batteremo con tutte le nostre forze al fianco del Comune di Bussi per far cambiare al Ministro e al governo posizione.

La strada indicata dal ministro infatti implica che si ricominci tutto dall’inizio perdendo tempo e consentendo e alla Edison di riproporre un suo progetto, quello del tombamento delle discariche perchè costa meno.

Ribadiamo che il progetto di bonifica già c’è, è stata espletata e aggiudicata una gara. Da circa due anni il Ministero deve solo firmare il contratto. Proceda subito e poi mandi il conto alla Edison.

In questa battaglia per fare subito e bene non bisogna lasciare solo il Comune di Bussi intorno al quale invitiamo tutta la società abruzzese sana e le istituzioni a unirsi come facemmo per il terzo traforo del Gran Sasso, il Centro Oli e Ombrina.

Chi scrive rivelò nel 2007 con una interrogazione parlamentare che veniva erogata a centinaia di migliaia di persone acqua da pozzi contaminati e portò per la prima volta una commissione parlamentare a Bussi. Il Ministro sappia che in Abruzzo ci sono persone competenti e combattive che non accetteranno di essere prese in giro su una tragedia che è già costata tantissimo alla nostra comunità.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale Rifondazione Comunista

* “La Edison si attivi immediatamente per le bonifiche. Adesso vigileremo e ci renderemo parte attiva affinché Edison nel più breve tempo possibile inizi le attività di bonifica e potremo re-investire i 50 milioni per altre operazioni di messa sicurezza del nostro Paese”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>