«

»

MAGNETI MARELLI A SULMONA OGGI MAESTRANZE A LAVORO. SEVEL RSA/RLS CONTRARI A RIAPERTURA PREVISTA PER DOMANI. RIFONDAZIONE CONFERMA PREOCCUPAZIONE E SOSTIENE I LAVORATORI.

Contrariamente a quanto diffuso dagli organi di informazione in seguito alla comunicazione del gruppo Marelli che nel pomeriggio di ieri aveva annunciato “la sospensione temporanea di tutte le attività produttive nei propri stabilimenti italiani dal 16/03 al 18/03 incluso”, questa mattina lo stabilimento di Sulmona era attivo e in produzione.

Le mascherine sono state distribuite solo a metà mattinata, alcune ore dopo l’ingresso in azienda.

Rifondazione Comunista Abruzzo conferma le preoccupazioni e le perplessità, già sollevate nella giornata di ieri domenica 15 marzo.

Saranno stati sufficienti alla Magneti Marelli 2 giorni per provvedere alla sanificazione dello stabilimento ed a cambiare il processo produttivo in funzione della sicurezza dei lavoratori? Ed anche ammesso questo, che senso ha rischiare la salute per produrre ammortizzatori?”

Intanto alla SEVEL di Atessa (ricordiamo che le produzioni Magneti Marelli e Sevel sono strettamente legate) i rappresentanti sindacali e i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza hanno chiesto di posticipare la riapertura prevista per domani, sollevando critiche sulla riorganizzazione aziendale per la massima tutela dei lavoratori. Ricordiamo che il gruppo FCA ha sospeso le attività fino al 27 marzo negli stabilimenti di Cassino, Melfi (dove vi è stato un caso positivo al virus), Mirafiori, Grugliasco e Modena, in Polonia e in Serbia. Perché FCA vuole continuare a produrre a Termoli e alla SEVEL di Atessa? Rifondazione Comunista sostiene le preoccupazioni dei lavoratori e chiede che FCA fermi la riapertura anche alla Sevel.

Invitiamo i sindacati, sulla base dell’art. 1460 c.c. (cosiddetta “eccezione di inadempimento”) a mettere in mora i datori di lavoro ai fini del rispetto della normativa di sicurezza ed, in caso di inerzia dell’impresa, a convocare astensioni collettive giustificate dall’inadempimento dei datori di lavoro che in questo caso sarebbero senza perdita di retribuzione per i lavoratori.

Sono anni che Sevel fa produzioni da record spremendo gli operai, accumulando profitti e senza un reale ritorno sui salari. Come sta avvenendo in altri posti le aziende spingono affinché i lavoratori vadano in ferie. Ricordiamo che le ferie sono una quota del salario e garantite dalla nostra Costituzione.

È bene che sia chiaro che se i lavoratori ricorreranno all’anticipazione delle ferie lo faranno per tutelare la comunità in cui vivono, non solo se stessi. Lo faranno per impedire la diffusione eventuale del contagio sui pullman che portano a lavoro. Lo faranno per non essere veicoli del virus. Lo faranno per tutelare la salute di noi tutti pagando con il proprio salario mentre FCA tutelerebbe solo le proprie tasche.

Marco Fars. Segretario regionale PRC-SE Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>