«

»

SABATO POMERIGGIO SALE E AULE STUDIO TUTTE CHIUSE A PESCARA I GIOVANI COMUNISTI METTONO A DISPOSIZIONE NELLA PROPRIA SEDE

TUTTI I SABATO DI FEBBRAIO DALLE 9 ALLE 19 L’AULA STUDIO “ARISTODEMO MANIERA”

A Pescara, città universitaria, è sempre più arduo per studenti e lettori trovare un’aula, una sala o una biblioteca aperta per leggere o studiare durante la settimana, quasi impensabile nel fine settimana. Si riducono, invece di aumentare, tempi e spazi per la cultura e l’istruzione. Da anni il diritto allo studio viene leso dalle politiche irresponsabili dei vari governi di larghe intese e dalle solite “riforme” truffa. Ci mancava la riforma delle province voluta dal governo Renzi che ha prodotto tra le altre cose anche la riduzione degli orari di apertura della biblioteca “G.D’Annunzio” di Pescara, per effetto della regionalizzazione delle biblioteche provinciali.
Spinti dall’emergenza di spazi pubblici che chiudono o che riducono i loro orari, tasse che aumentano di mese in mese a fronte di sedi universitarie sempre più fatiscenti e carenti di spazi vivibili, come Giovani Comunisti/e di Pescara abbiamo deciso di allestire un’aula studio presso lo spazio sociale PRC Pescara in Via Tedesco 8 (zona portanuova, angolo Via D’Avalos-Via Vespucci).
L’aula studio popolare, intitolata come la nostra biblioteca al partigiano pescarese “Aristodemo Maniera”, sarà aperta dalle 9 alle 19 ogni sabato di Febbraio per sopperire all’incalzante richiesta proveniente dalla popolazione studentesca di un luogo dove poter studiare e formarsi serenamente. Il nostro è anche un tentativo per riaprire tempi e spazi di riflessione collettiva su quanto accade dentro e fuori l’università e la scuola, per attivarsi e lottare per ottenere servizi e strutture degne di un Paese civile, in una città che si proclama universitaria. Un tentativo che si potrà estendere o concludere (una volta raggiunto l’obiettivo), ma che andrà a buon fine solo con la partecipazione di tutte/i gli studenti.
La giunta D’Alfonso ha azzerato il diritto alla studio e ha interesse solo per le grandi opere inutili. Il governo trova le risorse per salvare le banche ma chiede ai cittadini le donazioni per ricostruire le scuole terremotate. Insomma ormai siamo di fronte all’assurdo, è tempo di ribaltare queste politiche, altrimenti saremo dentro un’emergenza infinita. I soldi ci sono e chiediamo a gran voce che vengano stanziate sia risorse che personale per aprire le sale e le biblioteche anche nei week-end come avviene nella maggior parte delle città universitarie,che il diritto allo studio e le esigenze della popolazione studentesca passino finalmente in primo piano, che l’istruzione a tutti i livelli diventi realmente accessibile a tutti, insomma che la Costituzione difesa con il NO del 4 dicembre venga finalmente applicata.

Aula studio popolare “Aristodemo Maniera” Pescara
OGNI SABATO DI FEBBRAIO DALLE 9:00 ALLE 19:00 Pescara Via Tedesco, 8 – Federazione PRC (zona portanuova, incrocio tra Via D’Avalos e Via Vespucci)

Chi era Aristodemo Maniera? http://www.anpi.it/donne-e-uomini/2746/aristodemo-maniera

Paolo Mantini Coordinatore Giovani Comuniste/i Pescara
Corrado Di Sante Segretario PRC-SE Federazione provinciale di Pescara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>